Novità / Diritto e Letteratura. Dissapori medievali e moderni

DIssapori

 

 

 

 

 

 

 

 

Scheda: Giuseppe Mastrominico, Diritto e Letteratura. Dissapori medievali e moderni, ES/Collana Marcopolo 5, 2017 [pp. 1-150 / ISBN 9788891930538 / € 10,00] > prenota

Parola d’autore: Lo studio intende promuovere per la prima volta la scrittura di una storia per il “Diritto e Letteratura”, versione nostrana del movimento internazionale noto come “Law & Literature”, strutturatosi oramai in termini di scuola oltre che in specifiche cattedre universitarie. Il libro, che si apre con un’introduzione-manifesto e si chiude con un epilogo programmatico, è strutturato intorno a tre capitoli insoliti nel panorama gius-letterario, intitolati: “Letteratura contro Diritto”, “Diritto contro Letteratura” e “Letteratura come Diritto”. Lo scopo è quello di evidenziare, in modo innovativo, le incomprensioni che nel corso dei secoli hanno riguardato i due linguaggi del diritto e della letteratura. Si scopre così che in età medievale fu la letteratura ad ingaggiare un’aspra lotta contro il diritto, gareggiando con questo sul piano della formazione scolastica. In età moderna, invece, fu il diritto a relegare la letteratura contemporanea ad un ruolo sussidiario, ritenendo che essa fosse incapace di disciplinare un ordinato sviluppo della società. Al contrario, molte fonti letterarie medievali proprio in età moderna furono utilizzate come strumento di lotta e di riforma, contribuendo alla costruzione di nuovi immaginari giuridici. Sullo sfondo, l’idea tradizionale di un diritto inteso quale patrimonio comune di valori, eco di un mondo in cui il sentimento (più della ragione) era il collante quasi esclusivo tra diritto e società.